Racconti di sapori dimenticati, il blog di Cornucopia 🌱🌞🍂❄

Uva D’Oro Bianca

Potrebbe essere sinonimo di Dalloro.

RER V 194

Uva d’oro bianca è un vitigno del territorio di Reggio Emilia ormai molto raro. Considerato che il nome
Dalloro era in passato sinonimo di Uva d’oro (Fortana), l’Uva d’oro bianca con ogni probabilità corrisponde alla Dalloro bianca citata nella metà del ‘700 da Caula, che la reputa buonissima e la descrive simile alla Dalloro nera per le caratteristiche del grappolo e dell’acino (in Maini, 1851): “Dalloro bianca è buonissima, ma non dà così delicato, come si vuole ordinariamente, il vin bianco; soffre molt’acqua, e dura assai.

Somiglia alla nera nel grappolo, e nei grani; non è molto gialla e inclina al verde”. Nel 1840 Bertozzi cita tra le uve bianche coltivate nei campi della provincia di Reggio Emilia una ’Uva d’or Grossa’, che potrebbe
corrispondere all’ Uva d’oro bianca rinvenuta nel Reggiano. Di Rovasenda (1877) afferma infatti che in Italia il nome Uva d’oro è attribuito a numerose uve sia bianche che nere. Successivamente, si riscontra una citazione dell’Uva d’oro bianca in Casali (1915), che ne riporta il nome dialettale reggiano “òva d’òr biànca”. Antica origine e appartenenza al territorio emiliano è confermato anche dal rapporto di parentela genitorefiglio con il vitigno Orsolina, presente nei monti reggiani a fine 700 (Re, 1801) e risultato alle analisi di marcatori SNP capostipite di numerose varietà locali diffuse in Emilia e, più in generale, nell’Italia NordOccidentale (D’Onofrio et al., 2021)

ZONA TIPICA DI PRODUZIONE
I riferimenti storici consentono di individuare nei territori di Modena e Reggio Emilia le passate zone di
produzione.
BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO
Bertozzi V., 1840. Viti della provincia di Reggio. Manoscritto, Reggio Emilia
Bignami C., Imazio S., Antonelli A., Masino F., Matrella V., Montevecchi G., Vasile Simone G., 2015. Uva
d’oro bianca. In: Italian Vitis Database, www.vitisdb.it, ISSN 2282-006Xll
Casali C., 1915. I nomi delle piante nel dialetto reggiano. Atti del Consorzio di Reggio Emilia n.1. Tipografia
Bondavalli. Reggio nell’Emilia. 126 pp.
Caula, 1751. In Maini L. 1851. Atti del Consorzio di Reggio Emilia n.1. Tipografia Bondavalli. Reggio
nell’Emilia. 126 pp. Tipografia Moneti e Pelloni, Modena
D’Onofrio, C., Tumino, G., Gardiman, M., Crespan, M., Bignami, C., de Palma, L., Barbagallo M.G., Muganu
M., Morcia C., Novello V., Schneider A., Terzi, V., 2021. Parentage atlas of Italian grapevine varieties as
inferred from SNP genotyping. Frontiers in Plant Science,11, 2265.
Di Rovasenda G., 1877. Saggio di una ampelografia universale. Tipografia subalpina di Stefano Marino.
Torino.
Marzotto N., 1925. Uve da vino. Tipografia commerciale, Vicenza.
Re F., 1800. Viaggio agronomico per la montagna reggiana e Dei mezzi di migliorare l’agricoltura delle
montagne reggiane. Manoscritto, edito a cura di Carlo Casali. – Reggio Emilia: Officine grafiche reggiane,

  1. – 92 pp
    N
Torna in alto